Quella freccia d’acciaio della Torre Littoria

Posted on lug 19, 2017

Panoramica della città di Milano dal belvedere della Torre Littoria

Panoramica della città di Milano dal belvedere della Torre Littoria

Nel 1933, su espressa richiesta dell’architetto e designer Giò Ponti, si provvede a illuminare il  Parco Sempione deputato a ospitare la V Triennale di Milano. I pali, realizzati in cemento “armato”, consistono in una colonna tronco-conica a sezione ottagonale allungata verso l’alto in modo da assumere una singolare forma “a chiodo”. Alla sommità la luce si propaga da un globo luminoso di vetro opalino.

Ma le novità non finiscono qui. Nello stesso anno viene inaugurata, sempre all’interno del parco,   la Torre Littoria, un gigantesco faro luminoso costruito nel tempo record di due mesi e mezzo. Definita fin da subito una grande opera di architettura, la torre reca la firma dello stesso Ponti, coadiuvato dagli ingegneri Fiocchi e Chiodi, ed è realizzata dalla Bombelli Costruzioni Metalliche, di Milano, che grazie alle sue abilità e all’intensa attività svolta, soprattutto dopo il 1920, è ormai richiesta dai più importanti progettisti dell’epoca.

Milnao, i pali in cemento per l'illuminazione del Parco Sempione

Milano, i pali in cemento per l’illuminazione del Parco Sempione

La Torre è un’opera davvero originale, un prisma metallico di 108 metri d’altezza eretto quasi senza rastremazione, una sorta di “freccia in tubolare d’acciaio conficcata dall’alto nel terreno”, con collegamenti realizzati mediante saldature elettriche. A 97 metri di quota una piattaforma sostiene la cabina del ristorante, sovrastata dal belvedere e dalla lanterna rotante del faro, azionata da un motore elettrico e dotata di uno specchio parabolico di cristallo argentato.

A partire dalla metà degli anni Trenta la Torre Littoria si appresta a divenire, insieme alla “Madonnina” posta alla sommità del Duomo, il simbolo della nuova Milano. Dal suo belvedere, nelle giornate terse, si può godere ancora oggi non solo del profilo di tutta la città, ma anche di buona parte della pianura lombarda e della catena delle Alpi sullo sfondo.

La Torre Littoria in una cartolina del 1933

La Torre Littoria in una cartolina del 1933

La Torre Littoria oggi

La Torre Littoria oggi

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>