Terme, benessere e cultura!

Posted on mar 7, 2017

 

Padiglione delle Feste delle Terme di Castrocaro (FC)

Padiglione delle Feste delle Terme di Castrocaro (FC)

Con 380 stabilimenti diffusi in 19 regioni, 65 mila addetti e 3 miliardi di fatturato il settore termale rappresenta la colonna portante dell’industria turistica italiana. È quanto emerge dal convegno “Il futuro dell’albergo termale” organizzato lo scorso 21 febbraio ad Abano Terme. L’evento, promosso da Federterme-Confindustria, Associazione Italiana Confindustria Alberghi e Confindustria Veneto, è servito per ridisegnare le strategie dell’offerta termale, soprattutto per i mercati internazionali, lanciando un forte segnale a sostegno di tutte le imprese che operano nel settore. Al tavolo tecnico si è discusso di temi inerenti le concessioni estrattive delle acque termali, l’ opportunità dei finanziamenti europei, i crediti agli standard di qualità scientifica.

Le terme rappresentano non solo un mix tra terapia, cura preventiva e benessere fisico ma sempre di più anche un luogo nel quale è possibile “rigenerare la mente”. A favorire questo aspetto è il fatto che i complessi termali sono spesso, per storia e architettura, luoghi particolarmente idonei a ospitare al loro interno eventi, manifestazioni, appuntamenti di carattere culturale.

Emblematico è il caso in Emilia-Romagna di Castrocaro Terme (FC) la cui rinascita è stata favorita dall’aver già da anni fortemente creduto e investito in questo progetto. Le acque curative della graziosa cittadina alle porte di Forlì, conosciute fin dall’epoca romana, sono tra le più ricche in natura di sali minerali e i rinomati “bagni di fango” altamente terapeutici risalgono al 1938, quando lo stesso Principe Umberto di Savoia inaugura un grande complesso termale costituito dallo Stabilimento Bagni, dal Grande Albergo e dal Padiglione delle Feste. Quest’ultimo edificio rappresenta un’opera architettonica di grande pregio, armonicamente inserita in un parco di otto ettari, cui presta la sua attività l’artista Tito Chini che, oltre al ruolo di decoratore, assume anche quello di progettista e architetto dando origine a una delle architetture razionaliste più eleganti, ma soprattutto a una delle massime espressioni del Déco Italiano.

Manifesto pubblicitario delle Terme di Castrocaro

Manifesto pubblicitario delle Terme di Castrocaro

Il Padiglione delle Feste è diventato nel corso degli anni teatro di importanti mostre: per il 2017 si è pensato ad un progetto collegato all’evento “Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia” che si sta svolgendo in contemporanea presso i Musei di San Domenico a Forlì. La mostra di Castrocaro “Magiche atmosfere Déco” riunisce un centinaio di opere capaci di dialogare e interagire con le sue meravigliose architetture in quanto frutto del medesimo stile: il Déco. Alcune fusioni in ghisa per ringhiere e disegni di oggetti di arredo urbano (lampioni e orologi stradali) firmati dall’artista romano Duilio Cambellotti sono di proprietà della Fondazione Neri – Museo Italiano della Ghisa che con grande piacere li ha messi a disposizione per l’allestimento di questa mostra.

Atrio del Padiglione delle Feste

Atrio del Padiglione delle Feste

Adolfo Busi, Donna con Pierrot, pochoir su carta, 1926

Adolfo Busi, Donna con Pierrot, pochoir su carta, 1926

Duilio Cambellotti, Orologi stradali da muro, bozzetto, 1925, Fondazione Neri - MIG

Duilio Cambellotti, Orologi stradali da muro, bozzetto, 1925, Fondazione Neri – MIG

 

 

Magiche Atmosfere Déco

Castrocaro Terme (FC), Padiglione delle Feste

18 febbraio –  2 luglio 2017

Sabato, domenica e festivi 10:00 – 19:00

Dal lunedì al venerdì su appuntamento: +39 0543 767114

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>